31 Maggio 2021

|

di: Lavoriamoxmilanoconsala

|

Categorie: Oggi parliamo di...

Milano, boom di iscritti al Conservatorio

Sarà anche grazie all’effetto traino della fiction La Compagnia del Cigno ma quest’anno è in notevole crescita la popolarità del Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, una bottegadi musica più prestigiosa delle altre presenti sul territorio nazionale. Il giudizio parte dalle cifre: in tutto 1720 studenti e 270 docenti, numeri che consentono di progettare in grande, perché anche in questo ambito il «piccolo non è bello». Inorgoglisce l’albo d’oro degli ex allievi, i direttori d’orchestra Claudio Abbado, Riccardo Muti, Riccardo Chailly, Daniele Gatti, Gianandrea Noseda (in ordine anagrafico), i compositori Carlo Boccadoro e Fabio Vacchi, un pianista come Maurizio Pollini. A far la differenza è anche la guida, quella della direttrice Cristina Frosini, autrice di una vera e propria rivoluzione: ha aggiunto corsi come la popular music, percorsi per la salute del musicista, corsi per talenti aperti agli studenti particolarmente giovani, che non hanno l’età per accedere al Triennio, ma le competenze per affrontare un percorso di studi di livello triennale. E soprattutto, la direttrice  ha reso il Conservatorio un centro di produzione, dove sono fiorite l’Orchestra Sinfonica, la Verdi Jazz Orchestra, la Banda del Verdi, una serie di gruppi da camera e pure produzioni operistiche. Il Giornale pag. 20- 21